Il progetto del “Comet 21” è nato con lo scopo di realizzare la produzione in serie di una imbarcazione sportiva performante e divertente, per velisti appassionati della tecnologia e della competizione.

I parametri progettuali del “Comet 21” risiedono non solo nelle prestazioni e nella tecnologia costruttiva, ma anche nella semplicità di utilizzo e carrellabilità .
Un’associazione di armatori dei “Comet 21” , concorrerà a riunire tutti i proprietari allo scopo di contribuire alla diffusione e alla pratica dello sport della vela, attraverso la partecipazione a raduni e regate di classe.

Due parole sulla costruzione.....
Il progetto del Comet 21 è studiato sin nei minimi dettagli, è una barca costruita con accorgimenti che la rendono il più possibile leggera, resistente ed assemblata come se fosse un  " corpo unico" che risponde ai comandi delle forze applicate distribuendoli in modo che lavori tutto lo scafo nel suo insieme.

Per ottenere questo Comar Yachts ha dovuto avvalersi di tecniche di costruzione all'avanguardia che solitamente vengono utilizzate per la costruzione di barche da regata estremamente sofisticate
Ad esempio l'albero in carbonio, sarebbe molto meno costoso costruirlo stampandolo in due parti longitudinali con fibra impregnata al momento dell'applicazione e poi incollarle, la costruzione sarebbe più veloce ma, la parte incollata avrebbe una mancanza di continuità di fibra, cosa necessaria per affrontare in sicurezza vento sostenuto senza timore di rotture.

La fibra Prepreg, di carbonio  preimpregnato, mantenuto a basse temperature in frigoriferi appositi,  viene avvolta in un mandrino realizzando oltre l’albero anche la sua canalina, con  le parti da rinforzare che riceveranno più spessore e saranno impregnate con controllo computerizzato.
Si procede “cuocendo” in autoclave a 110° con la pressione costante  di 11 bar per  assicurarsi la giusta compattezza e di conseguenza la resistenza all'uso sotto sforzo.

comet21-vele

 L'albero è rotante, con il piede realizzato in fusione di alluminio anodizzato che agisce su una sfera in delrin.
Stesso procedimento per costruire il boma ed il bompresso, mentre le crocette sono in carbonio pieno.
Il sartiame spiroidale, con attacco incernierato per la rotazione dell'albero, ha alla base dei tornichetti che permettono la regolazione anche durante la navigazione
Le drizze sono in spectra
Lo scafo e la coperta sono realizzati in “sandwich di airex” con stratificazione manuale ed incollaggio dei tessuti sottovuoto.
L’assemblaggio dello scafo alla coperta, malgrado le difficoltà legate allo spazio interno, è effettuato con  collanti a basi epossidiche e laminazione manuale ottenendo così una struttura estremamente rigida.
In cabina sulla dritta, si delinea lungo le due estremità prua/pozzetto il tubolare  che ospita il bompresso in carbonio e ne permette la fuoriuscita rapida azionando i comandi dal pozzetto,  
A sinistra si trova il raccoglitore del gennaker (retriver) anche quest'ultimo governabile interamente dal pozzetto perché collegato al foro di lancio posizionato a prua.
Utilissimo se si naviga da soli o per lavorare nella posizione giusta in regata.

Il supporto motore si sfila in una frazione di secondo mantenedo fissato il motore stesso

Il timone..... la "prolunga" del braccio e  della mente del timoniere ....  due semigusci in carbonio racchiudono l’anima in corecell, sono stratificati su stampi realizzati a controllo numerico per avere la massima precisione di profilo e di forma. La parte perimetrale della pala è unita con collante strutturale e rifinita con tessuto unidirezionale e biassiale.
Il progetto del Comet 21 non lascia nulla al caso, la mastra del timone fusa in alluminio è stata progettata   appositamente per sfilare velocemente la pala e riporla nella sua custodia dedicata lasciando in sede la mastra.
La deriva è realizzata con barre in acciaio inox su cui viene fuso il siluro terminale in piombo, questa soluzione abbassa notevolmente il centro di gravità. Per un'ottima resa idrodinamica il tutto è rivestito da una scocca in vtr che assicura il giusto profilo
L' attrezzatura di coperta tutta Harken permette millimetriche regolazioni.
Il Comet 21 possiede performance eccellenti, stabile, anche con vento forte e mare formato la barca è "asciutta".
Solo una critica concediamola.... con poco vento si sente la mancanza di tela nel gennaker.....
Il progetto del Comet 21 è studiato sin nei minimi dettagli e, se fosse poco ingombrante, sarebbe da portarselo in salotto come oggetto da guardare con ammirazione tecnica......
Chiunque desiderasse visionarlo venga a trovarci presso la nostra sede, sarà un vero piacere scambiare "due chiacchere insieme"
Vi aspettiamo!


Vincitore del  "PREMIO ITALIA PER LA VELA 2010" quale "MIGLIOR PROGETTO"

Lunghezza ft.   
Galleggiamento    
Larghezza scafo    
Pescaggio deriva mobile    
Zavorra in chiglia    
Dislocamento a.m.

Superficie Velica
Randa   
Fiocco avvolgibile    
Gennaker

Progetto      
Costruttore

6,22 m
5,54 m
2,35 m
0,35/1,44 mt
200 kg
548 kg


17,20 mq
8,50 mq
38,00 mq

Sergio Lupoli     
Comar Yacht

Imbarcazione Standard Iva esclusa. Franco Cantiere     27.500,00 €

 


FOTO GALLERY ESTERNI